giovedì 27 giugno 2019

Review Tour: "La corte di nebbia e furia" di Sarah J. Maas.

Abbiamo lasciato Feyre solo tre mesi fa con il primo libro della trilogia, trovate la recensione qui. Quello che sembrava essere un happy ending, per Feyre non lo è più. Lo scontro contro Amarantha l'ha distrutta, non solo fisicamente, ma anche mentalmente. Ciò che le sembrava perfetto ai suoi occhi appare opprimente e non più liberatorio. La nostra protagonista riuscirà a sopportare un'altra sfida contro la nuova minaccia che incombe? 

 Info:
Titolo: La corte di nebbia e furia
Autrice: Sarah J. Maas
Editore: Libri Mondadori
Pagine: 622
Formato: Cartaceo/ Ebook
Prezzo: 17,90€ Cartaceo/ 8,99€ Ebook
Sinossi: Dopo essersi sottratta al giogo di Amarantha e averla sconfitta, Feyre può finalmente ritornare alla Corte di Primavera. Per riuscirci, però, ha dovuto pagare un prezzo altissimo. Il dolore, il senso di colpa e la rabbia per le azioni terribili che è stata costretta a commettere per liberare se stessa e Tamlin, e salvare il suo popolo, infatti, la stanno mangiando viva, pezzetto dopo pezzetto. E forse nemmeno l'eternità appena conquistata sarà lunga a sufficienza per ricomporla. Qualcosa in lei si è incrinato in modo irreversibile, tanto che ormai non si riconosce più. Non si sente più la stessa Feyre che, un anno prima, aveva fatto il suo ingresso nella Corte di Primavera. E forse non è nemmeno più la stessa Feyre di cui si è innamorato Tamlin. Tanto che l'arrivo improvviso e molto teatrale di Rhysand alla corte per reclamare la soddisfazione del loro patto - secondo il quale Feyre dovrà passare con lui una settimana al mese nella misteriosa Corte della Notte, luogo di montagne e oscurità, stelle e morte - è per lei quasi un sollievo. Ma mentre Feyre cerca di barcamenarsi nel fitto intrico di strategie politiche, potere e passioni contrastanti, un male ancora più pericoloso di quello appena sconfitto incombe su Prythian. E forse la chiave per fermarlo potrebbe essere proprio lei, a patto che riesca a sfruttare a pieno i poteri che ha ricevuto in dono quando è stata trasformata in una creatura immortale, a guarire la sua anima ferita e a decidere così che direzione dare al proprio futuro e a quello di un mondo spaccato in due.
 Feyre che era una semplice ragazza si ritrova ad affrontare una delle più dure sfide che la vita le ha serbato. Il suo personaggio, che nel primo libro avevo trovato abbastanza sottotono, in questo sequel ha una vera e propria evoluzione. Feyre, non deve solo abituarsi al nuovo corpo e alla nuova vita che le è stata donata ma deve riadattarsi. Il suo corpo sarà pure eterno, ma il suo cuore è ancora "tenero" come quello degli umani. I tormenti, il dolore e il senso di colpa che prova è indicibile. Tutto ciò che ha fatto, è stato compiuto per l'amore verso Tamlin... Ma se anche quest'ultimo si trasformasse nel suo peggior incubo che cosa accadrebbe? 

Tamlin, anch'esso segnato dallo scontro e dalla vittoria di Feyre. In questo libro il suo personaggio sembra essere totalmente l'opposto da quello presentatoci. Non ha più braccia amorevoli e parole confortevoli, in lui vi è l'ossessione di dover difendere Feyre. Anche a costo della sua stessa libertà. Tamlin, che sin dal primo capitolo della saga non mi ha colpito in modo particolare, in questo volume mi ha letteralmente disgustata. Il suo comportamento è tipico degli Alpha Men dei romanzi rosa. Ritornare tra le braccia di Tamlin per Feyre non è facile, ma grazie al patto con Rhysand lei andrà alla Corte della Notte. Che sia per lei una salvezza?

"Quando passi tanto tempo in trappola nell'oscurità, Lucien, scopri che l'oscurità comincia a guardarti a sua volta."
 Il Rhysand che conoscevamo non è soltanto l'Oscuro Signore della Corte della Notte, no, in lui ci si presentano una moltitudine di sconosciute sfaccettature che conferiscono al personaggio la sua unicità. Un personaggio dalle molte maschere è proprio lui, mi ha colpito particolarmente in ogni gesto e parola e credo sia uno dei pochi degni ad essere chiamato Signore Supremo.

Attorno ai personaggi principali, vengono introdotti dei personaggi secondari davvero particolari e con una psicologia ben definita. Infatti, in questo volume si possono avere maggiori dettagli su tutti i personaggi che io reputo fondamentali per poterli caratterizzare in modo dettagliato. I personaggi introdotti sono: Morrigan, Cassian e Azriel. Ognuno con un nome, un passato e un carattere totalmente diverso. Tra questi tre in particolare Morrigan (o Mor), mi ha colpito particolarmente.
 Non soltanto per il suo carattere scoppiettante e combattivo, ma anche poichè il suo nome si rifà alla Dea Celtica Morrigan. Tra Feyre e Morrigan sembra instaurarsi un rapporto d'amicizia, e anche grazie a lei che Feyre riesce a sopravvivere all'oscurità che sta dominando il suo animo. 

"Così ignaro di quanto io fossi frantumata e oscura dentro di me". 
 Di solito ci si aspetta che il secondo volume di una trilogia sia quello di passaggio, ma in realtà il romanzo apre una nuova visione della storia come un vero e proprio inizio. La Maas si è superata, mai mi sarei aspettata una caratterizzazione dei personaggi e degli intrighi del genere. Pagina dopo pagina vediamo Feyre prendere decisioni, alcune a volte davvero assurde, che la condurranno a un'apparente calma interiore. Tutto ciò ci sorprende proprio sul più bello, dietro ogni capitolo non si sa mai cosa ci aspetta. 

"Lì c'era il più potente Signore Supremo che fosse mai nato. L'incarnazione dei sogni e degli incubi." 
La narrazione della Maas è incalzante e veloce, ci propone un romanzo ricco di dettagli sia nelle ambientazioni ma anche a livello psichico dei personaggi. Il lessico utilizzato è semplice e diretto. Questo volume, a causa, delle scene hot lo lascerei a un pubblico non adolescente. Poiché sono molto descrittive e importanti, rispetto al primo volume. La cosa che lascia attoniti è il finale e mi viene solo da dire che è GENIALE.
Siete pronti per avventurarvi assieme a Feyre tra le Corti dei Fae? Riuscirete a sconfiggere la nuova minaccia che incombe su di loro?




 VALUTAZIONE LIBRO:






Prodotto fornito dalla Casa Editrice: Libri Mondadori.

6 commenti:

  1. Ricordo che ti era piaciuto anche il primo! Eppure molte persone sono rimaste deluse.. penso che li leggerò comunque, però non so bene cosa non convinca molto di questi libri

    RispondiElimina
  2. non ho parole. Devo ancora leggere e comprare il primo, ma le premesse su questa saga sono altissime :) spero di leggerli presto

    RispondiElimina
  3. Non vedo l'ora di recuperare questa serie, forse per farlo aspetteró che siano pubblicate tutte le traduzioni! 💗

    RispondiElimina
  4. Proprio oggi ho pubblicato la mia recensione di questo volume e davvero ho amato questo libro più del primo. Concordo completamente con tutto quello che hai scritto

    RispondiElimina
  5. Noi due ci siamo già confrontate in privato a fine lettura. Non posso che condividere a pieno tutto ciò che hai detto. Di solito i volumi di mezzo delle trilogie lasciano a desiderare. Questo è l'eccezione alla regola!

    RispondiElimina
  6. Ho adorato questo secondo volume e poi Rhysand é meraviglioso!!😍😍 In questo momento ho iniziato da poco il terzo e lo sto già adorando.

    RispondiElimina