lunedì 31 dicembre 2018

I libri più belli del 2018.


Il 31 dicembre è finalmente arrivato, l'anno giunge al termine e con esso ho fatto un resoconto delle letture più belle. E' stato molto difficile scegliere, ma su 52 libri letti... soltanto 5 sono stati gli "eletti".


Sicuramente non potrete perdervi la bellezza di questo libro. E' stato una delle prime collaborazioni che ho avuto. Attraverso una scrittura coinvolgente Rebecca Fox ci trasporta nelle vite di Ren e Shin. Recensione completa, click qui .

Sinossi: È possibile sottrarsi al proprio destino? È questo che Ren si domanda mentre lotta disperatamente per salvare il fratello minore Shin dalla malattia che lo divora a poco a poco. Si troverà di fronte ad un bivio: risvegliare la magia sigillata nel fratello, facendo riemergere in lui i ricordi di un orrendo passato, oppure sacrificare se stesso per curarlo, lasciandosi divorare, però, dalla magia delle Tenebre. Ma il potere della Luce, così ardente in Ren, e così da lui odiato, attirerà attorno al ragazzo i leggendari Cavalieri della Luce ed il loro Signore, Antares, dando vita ad un vortice di eventi che intreccerà indissolubilmente le vite dei due fratelli al Regno della Magia.  Destino o libero arbitrio? Luce o Tenebre? A Ren la scelta...



Ho conosciuto questo romanzo sempre  grazie a una collaborazione, e devo ammettere che ne sono rimasta piacevolmente colpita. Non ho mai amato gli scenari post-apocalittici ma attraverso la sua scrittura l'autrice ci fa avventurare in una missione... ovvero quella della sopravvivenza. Recensione completa, click qui .

Sinossi: Primo capitolo della Contact Saga. Se l'inaspettato stravolgesse d'un tratto la tua esistenza, a cosa saresti disposto per sopravvivere? A quali valori ti aggrapperesti e quali altri perderebbero invece d'importanza? Liz non si è mai posta domande del genere, perché dovrebbe? La sua vita è all'apparenza perfetta: ha una famiglia che la ama, buoni risultati a scuola ed è la più popolare del suo anno. Ma se accadesse l'impensabile? In un giorno come tanti altri, dal cielo arrivano gli "Esterni" e le loro intenzioni non sono affatto pacifiche. Persi i genitori, Liz dovrà fare una scelta: arrendersi agli invasori o lottare con tutte le sue forze nel tentativo di salvare il fratellino? Rassegnarsi vorrebbe dire diventare burattini nelle mani degli Esterni, mentre opporsi significherebbe combattere, resistere. Quale alternativa fa per Liz? Quella che potrà donare ancora un briciolo di speranza in ciò che resta dell'umanità? E, in tutto questo, fidarsi del misterioso Finn potrebbe essere la decisione giusta?





"Il circo della notte" l'ho cercato per mesi e appena l'ho visto disponibile su Ibs non ho potuto fare a meno di prenderlo. Se siete amante dei fantasy e nella storia amate un po' di storia d'amore... Beh, è il libro che fa per voi. E' un libro a cui bisogna dare sempre una possibilità.

Sinossi: Appare così, senza preavviso. La notizia si diffonde in un lampo, e una folla impaziente già si assiepa davanti ai cancelli, sotto l'insegna in bianco e nero che dice: "Le Cirque des Rèves. Apre al crepuscolo, chiude all'aurora". È il circo dei sogni, il luogo dove realtà e illusione si fondono e l'umana fantasia dispiega l'infinito ventaglio delle sue possibilità. Un esercito di appassionati lo insegue dovunque per ammirare le sue straordinarie attrazioni: acrobati volanti, contorsioniste, l'albero dei desideri, il giardino di ghiaccio,.. Ma dietro le quinte di questo spettacolo senza precedenti, due misteriosi rivali ingaggiano la loro partita finale, una magica sfida tra due giovani allievi scelti e addestrati all'unico scopo di dimostrare una volta per tutte l'inferiorità dell'avversario. Contro ogni attesa e contro ogni regola, i due giovani si scoprono attratti l'uno dall'altra: l'amore di Marco e Celia è una corrente elettrica che minaccia di travolgere persino il destino, e di distruggere il delicato equilibrio di forze a cui il circo deve la sua stessa esistenza.



Un libro che sicuramente non può mancare nella mia libreria è questo. Una vera e proprio scoperta, mi spaventava la mole del libro e invece le pagine sono volate e mi sono ritrovata a fine libro senza parole.

Sinossi: Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d'America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell'oceano. Convinto dell'innocenza di Harry Quebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trent'anni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan? E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo.





Mi mancano pochissime pagine alla fine e si è aggiudicato un posto nei libri più belli, "Magic" è sorprendente. Mai mi sarei aspettata un certo coinvolgimento con la storia. Ho già ordinato il secondo e non vedo l'ora di scoprire di più su Kell e Lila.

Sinossi: Kell è uno degli ultimi maghi rimasti della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono infatti la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, dove accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell'Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio iii nella Londra Bianca, la più noiosa delle versioni di Londra, quella senza alcuna magia. Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere anche solo piccoli scorci di realtà che non potrebbero mai vedere. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e adesso Kell comincia a rendersene conto. Dopo un'operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale e infine lo costringe a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se si vuole continuare a giocare prima di tutto bisogna imparare a sopravvivere...




Qual è stato per voi il più bel libro nel 2018? Sono davvero curiosa, non vedo l'ora di scoprirli... Vi aspetto nei commenti.
 

9 commenti:

  1. I miei preferiti sono stati: Fidanzati dell'inverno, il sognatore, la profezia dell'armadillo, sette minuti dopo la mezzanotte e il racconto dell'ancella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non li ho mai letti, ma devo dare la possibilità a "Fidanzati dell'inverno".

      Elimina
  2. I miei preferiti del 2018 sono: Tempesta di guerra, Come il sole di mezzanotte, A cpurt of thorns and Roses e Il trono di ghiaccio. C'è ne sono tanti altri ma questi sono quali che mi sono venuti in mente adesso 😂
    Fra quelli di cui hai parlato, The foenix, Fear e La verità sul caso Harry Quebert voglio assolutamente leggerli 😍 Magic letto e amato, altro libro preferito del 2018 mentre Il circo della notte purtroppo non mi è piaciuto molto

    RispondiElimina
  3. Tanti bei libri, ne segno qualcuno da poterli leggere ...

    RispondiElimina
  4. Secondo me (e probabilmente quello di replica orologi rolex TAG Heuer), il Carrera Chronograph Calibre 16 sarà il modello di volume per il suo mix di stile, convenienza orologi replica contrassegno e look senza tempo. Si tratta di una salutare miscela del classico cronografo Carrera classico e degli ultramoderni orologi replica siti affidabili orologi Carrera TAG Heuer lanciati da Jean-Claude Biver. Uno degli elementi di design più importanti che separa questo cronografo rolex replica ch Carrera Calibre 16 da quelli di "ieri" è l'uso di indici in stile indice, invece Breitling replica di usare indici arabi numerici a due cifre come indici ...

    RispondiElimina