mercoledì 20 febbraio 2019

Recensione: "Il Segnato" di David Giuntoli.

Un fantasy sorprendente e studiato, un'idea del tutto originale e innovativa. Queste sono le parole adatte per descrivere il romanzo di David Giuntoli. All'inzio della lettura rimani spiazzato dalla quantità di informazioni che stai per apprendere, grazie ai flashback che riescono a farci scoprire sempre di più Kaspar il prete guerriero.

  Info:
Titolo: Il Segnato
Autore: David Giuntoli
Casa Editrice: Bookabook
Formato: Cartaceo/ Ebook
Pagine: 332
Prezzo: Cartaceo 16,00€/ Ebook 7,99€
Sinossi: Tardo Medioevo. Germania, una delle tante nel multiverso spazio-temporale. Il dominio degli uomini è messo in discussione da demoni provenienti da altre dimensioni. La Chiesa dell’Unico Dio si erge a protezione dei suoi devoti; l’ordine dei preti guerrieri ha tenuto a bada i demoni fino al momento in cui una guerra feroce ne ha sterminato i membri. Solo Kaspar Vogel è sopravvissuto al massacro, ma è stato Segnato nel corpo e nello spirito.
 Ci troviamo nel Tardo Medioevo, dove il popolo ormai ha deciso di seguire il culto dell'Unico Dio. Dove ogni uomo sa che ogni cosa accade per il suo volere. I demoni che popolano la terra sono per loro fonte di minaccia e distruzione. Si percepisce nell'aria la tensione che porta la situazione, ma per gli uomini di Chiesa la minaccia non è riposta solo nei demoni. Ma persino persone che osino contrastare e/o venerare un Culto che non sia quello dell'Unico Dio, e così vengono percepiti come l'impersonificazione del Male. 

Credo che uno dei punti forti di questo romanzo è proprio l'ambientazione, ci si sente al centro della storia... Affiancando Kaspar in tutte le sue (dis)avventure. L'autore è riuscito a cogliere la mentalità e l'ambientazione adatta per questo romanzo, non è facile tenere uno scenario del genere. Infatti si denota una ricerca e uno studio dietro non indifferente, che non si concentra solo ed esclusivamente sulle descrizioni ma anche sui personaggi.


"L'uomo seduto davanti a lui era un enigma."
 Kaspar Vogel, non è il solito eroe della storia. Anzi le sue prodezze, vengono sì riconosciute ma è lui stesso a sottovalutarle. E' astuto e sapiente, sa cosa vuole e cosa potrebbe ottenere. Anche se molto spesso riesce a mostrare le sue debolezze, poiché lui è "Il Segnato". Nei suoi ricordi e nella sua anima riconosce di aver ricevuto una sconfitta, ma dentro di sé vi è qualcosa di ben più oscuro. Viene descritto come un uomo di bell'aspetto, e lo possiamo immaginare come un eroe vichingo. E' un personaggio complesso e ben delineato nella sua psicologia, nonostante la sua forza a livello fisico potremmo scorgere dentro di sé un animo puro e nobile.


"Salvare noi stessi è l'unico potere che abbiamo ed è ciò che scordiamo più frequentemente."
Ciò però non toglie agli altri personaggi, che possono risultare sfuggenti persino nel classificarli se si trattino di "Buoni" o adepti del Maligno. I personaggi sono ben costruiti, complicati e ricchi di mistero, e tra di loro troviamo Isabelle e Lucius (che come mi ha già anticipato l'autore nel secondo volume avrò tutte le risposte alle mie domande).

Isabelle è una ragazzina, un po' speciale, ma allo stesso tempo dentro di sé troviamo emozioni forti e contrastanti... Come è giusto che sia alla sua età. A volte mi sono ritrovata a sentirmi in contatto con lei, a riuscire a percepire cosa stesse pensando e persino cosa provasse in quel momento.

Lucius a confronto con quest'ultima è l'opposto, si riesce a capire il suo animo soltanto da poche righe. E' un personaggio "puro", nonostante la sua astuzia. E' il più grande amico di Kaspar, e il loro rapporto raggiungerà nella storia l'apice della fratellanza. Lui è quell'amico che sarebbe disposto a tutto pur di salvare l'altro, sacrificando anche se stesso.
"Kaspar ha bisogno di lui. Lo troverà e la speranza tornerà a soffiare sull'esistenza stessa." 
 Giuntoli ci conquista con il suo metodo di non arrivare mai alla fine, ovvero ci mostra sottocapitoli dedicati al presente per poi ritrovarci in flashback senza fiato. E' una narrazione innovativa per me, non avevo mai letto un'alternanza così repentina. Ci si trova spaesati e ricchi di domande a cui non sapremmo rispondere, se non continuando la lettura. 

Un mix perfetto fatto da personaggi complessi, ambientazione noir e dove gli elementi fantasy non possono mancare. Infatti sono consapevole che è un'idea del tutto nuova, e vi sono molti temi trattati in vari fantasy. Ma nonostante ciò i colpi di scena o persino l'evoluzione della storia non saranno mai banali ed evitando di cadere nei soliti cliché.

Durante la lettura ci rendiamo conto della complessità e paura di ogni personaggio, tanto che a volte riusciremo a sentire i loro demoni interiori e in particolare è il caso di Kaspar. Portare al termine imprese eroiche è quello che sognerebbe ogni uomo, ma lui no. Lui dovrà superare qualcosa di più grande e distruttivo, riuscirà nel suo intento? 

"Dimenticatevi tutto ciò che non viene da voi; siate per gli altri ciò che vorreste che loro fossero per voi."
La narrazione come già anticipato è molto scorrevole e lineare. Mi ha incuriosito molto l'utilizzo dei flashback, che ho ritenuto fossero parte fondamentale per la storia. Man mano che si legge potremmo trovare lessicalmente intercalari del parlato e qualche uso un po' spropositato delle parolacce. Ma nonostante ciò il tutto ha contribuito a donare al libro qualcosa per cui sorridere quando anche la situazione non era tra le migliori.
Attraverso una scrittura cruda e reale riusciamo a immergerci a pieno nell'epoca Medievale, e tutto ciò ci lascia sbigottiti. Poichè nonostante le mille peripezie, i colpiscena giungeranno a un termine ovvero: il finale. 
Il quale mi ha lasciata sbigottita, ma allo stesso tempo penso che il seguito mi sorprenderà. Il libro ha superato le mie aspettative, avevo il timore che fossero troppe situazioni e temi messi assieme e invece ho letto un bel fantasy (cosa che non facevo da un po').

Kaspar è un guerriero, Il Segnato, sei pronto per affiancarlo nella sua avventura? Sei pronto a rischiare tutto, persino la tua vita per salvare il mondo?

 


VALUTAZIONE LIBRO:
 





Prodotto fornito dalla Casa editrice: Bookabook.

20 commenti:

  1. Avevo visto che avevi in lettura questo libro su instagram ed ero curiosa della recensione, perchè non ne avevo mai sentito parlare. La trama sembra davvero interessante, ma ho paura che i numerosi flashback non possano essere di mio gradimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ammetto di essermi spaventata a causa dei tanti flashback, ma ti dirò che quando ho iniziato a scoprire il tutto mi hanno incuriosito tantissimo.

      Elimina
  2. Già ero incuriosito da questo titolo, direi che ora entra direttamente in WL!

    RispondiElimina
  3. prima che lo recensissi non lo conoscevo però sembra avere una trama molto avvincente!

    RispondiElimina
  4. Ti avevo seguita nelle stories e ho atteso con ansia questa tua recensione dopo che avevi annunciato la fine della lettura. Mi hai convinta a leggerlo, mi piacciono troppo questi libri e mi aveva conquistato già dalla sua trama!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero lo leggerai, io non vedo l'ora di leggere il seguito! Fammi sapere!

      Elimina
  5. Non ho mai sentito nominare questo libro e, come già saprai dato che te l'ho scritto anche in altri commenti, non è proprio il mio genere.

    RispondiElimina
  6. Avvincente sembrerebbe. Grazie per il suggerimento Sabrina, bacio.

    RispondiElimina
  7. Come ben sai mi aspetta sul comodino da un po' di tempo oramai.. e la tua recensione è stata il punto di partenza per farmelo leggere subito! Non vedo l'ora di parlarne❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non vedo l'ora di conoscere la tua opinione, così possiamo anche sclerare assieme!

      Elimina
  8. Mi ispira veramente tanto!! Lo aggiungo in WL 😍

    RispondiElimina
  9. Già mi ispirava tanto sia dalla trama e ammetto anche dalla copertina ahahah
    ma leggendo la tua recensione sono sempre più convinta che devo leggerlo!
    Come sempre bravissima <3
    e non va assolutamente bene perché ho troppo libri da leggere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per questi complimenti! Comunque è davvero un bel libro, e sono convinta che se lo leggessi ti potrebbe piacere.

      Elimina
  10. grazie per la vostra curiosità

    RispondiElimina
  11. Non è proprio il mio genere, non so se gli darò una possibilità

    RispondiElimina
  12. non è proprio il mio genere... poi da quel che ho capito non segue bene la linea temporale ma torna indietro nel tempo nel raccontare, non so se mi potrebbe piacere

    RispondiElimina
  13. Amo le tue recensioni e mi hai incuriosito come sempre quindi gli darò un'opportunità

    RispondiElimina