giovedì 2 aprile 2020

Recensione:"Shadowhuters - La catena d'oro" di Cassandra Clare.

Cassandra Clare anche questa volta non si smentisce. Questa nuova trilogia ricollegabile a "Shadowhunters - Le origini", non solo ci fa sognare ad occhi aperti. Ma ci presenta dei nuovi personaggi singolari e complessi, luci ed ombre coesistono in ognuno di loro. Il tutto si svolge nella Londra del 1903, dove l'affluenza demonica sembra essere scomparsa... Ma qualcosa si cela dietro questa calma apparente, i nostri giovani Shadowhunters saranno all'altezza? O si sono adagiati sugli allori della vita mondana?


Info:
Titolo: Shadowhunters - La catena d'oro
Autrice: Cassandra Clare
Editore: Libri Mondadori
Formato: Cartaceo/ Ebook
Pagine: 547
Prezzo: 19,90€ Cartaceo/ 9,99€ Ebook
Sinossi: Cordelia Carstairs è una Shadowhunter, e in quanto tale le è stato insegnato fin dalla più tenera età come si combattono i demoni. Quando il padre viene accusato di un terribile crimine, lei e il fratello Alastair partono alla volta di Londra con la speranza di riuscire a evitare la rovina della famiglia. Sona, la madre, vorrebbe che lei trovasse un marito e si sistemasse, ma Cordelia è più determinata a diventare un'eroina che una sposa. Presto, nella capitale britannica, la sua strada si incrocia nuovamente con quella di James e Lucie Herondale, suoi cari amici d'infanzia, che la trascinano in un mondo sfavillante e affascinante, fatto di sale da ballo, missioni segrete e luoghi magici popolati da vampiri e stregoni, dove Cordelia però è costretta a tenere nascosto il suo amore per James, promesso sposo di un'altra fanciulla.La nuova vita della ragazza viene sconvolta quando una serie di attacchi demoniaci devasta la città, e questa volta si tratta di qualcosa di completamente diverso da ciò con cui hanno avuto a che fare fino a questo momento gli Shadowhunters. Qualcosa di apparentemente impossibile da uccidere che si muove alla luce del sole e colpisce la gente ignara con un veleno letale. Londra è messa immediatamente in quarantena e gli amici di Cordelia, intrappolati come lei nella città, scoprono di essere dotati di poteri incredibili, un'eredità oscura di cui fino a quel momento ignoravano l'esistenza. Questo li costringe a compiere una scelta drammatica che li condurrà a comprendere quanto crudele sia il prezzo da pagare per essere eroi.
 Iniziare a parlare di questa recensione è veramente difficile, ma non perchè il libro non mi sia piaciuto ma perchè come sempre l'autrice è riuscita a lasciarmi senza fiato. Per leggere questo libro si devono assolutamente leggere la trilogia delle Origini, per avere un quadro generale della storia. Incontreremo personaggio che ci hanno fatto battere il cuore e sognare, ma anche piangere. Seppur di sfuggita, ci imbattiamo in Tessa e Will sono passati ben 23 anni, e si nota un'evoluzione in loro non indifferente. Ma i protagonisti della storia non sono loro, sono i loro i figli
James Herondale, primo genito della famiglia Herondale. E' più simile al padre di quanto sembri, una dote innata per i guai, con un misto di astuzia e un'animo così buono e puro. Il giovane Herondale non sarà solo ad affrontare le varie peripezie, ma sarà affiancato dall'Allegra Compagnia. Questa combriccola di scalmanati Shadowhunters è formata dai vari figli dei precedenti personaggi, ritroviamo cognomi che già conosciamo ovvero: Lightwood, Herondale, Carstairs ecc. Ogni personaggio citato è singolare nella sua psicologia, seppur chi più approfondita e chi meno. 

Non sono soltanto entrata in empatia con James, ma anche con Cordelia e Lucie. Cordelia ci viene descritta come una giovane ragazza, forte e determinata. Non è la solita "dama".
non ha il senso della misura e del pericolo, riesce sempre a trovare una soluzione seppur sbagliata tutto grazie alla sua caparbietà e determinazione. La spada Cortana è sempre al fianco della nostra Cordelia, che è pronta a tutto pur di distruggere i demoni. La sua psicologia ci fa pensare a un capovolgimento dei personaggi, se prima la Clare narrava di giovani donne che diventano guerriere... Cordelia n'è l'eccezione, lei è già in perenne lotta con la vita.


-"Hanno bisogno di una musa. 
Qualcuno da cui trarre ispirazione. 
Qualcuno che conosca i loro segreti.
 Ti piacerebbe essere una musa?"

-"No. Vorrei essere una guerriera."
Lucie, è invece l'opposto di Cordelia. La determinazione è al punto giusto, ma c'è qualcosa in lei di fragile e puro. Sogna di diventare una grande scrittrice, pagine e pagine scritte ma con la paura che le sue opere non vengano pubblicate o riconosciute per il talento che possiede. Ma Lucie ha un dono, come ogni Herondale, di vedere i fantasmi. Ma lei non è come gli altri riesce a vedere qualcosa che i suoi familiari non riescono a vedere, qualcosa di potente e misterioso. All'inizio si fa sopraffare dalla scetticità, ma capisce che per rivoluzionare la storia dovrà crescere. 
I personaggi secondari, nonostante una parvenza di psicologia definita non si svelano del tutto. Ma credo che la vita di ognuno di loro ci travolgerà nei prossimi capitoli della saga, e che ci sopraffarà.  

Come anticipato sopra, i demoni sembrano spariti da Londra. Questa calma apparente sembra sempre più sospetta anche quando i demoni torneranno ad attaccare. Sono demoni potenti e più cattivi, non sono ordinari o come quelli che la giovane "banda" ha studiato per anni. La loro inattività nel combattimento sembra averli adagiati sugli allori, sono inesperti. Ma allo stesso tempo si buttano a capofitto nelle scelte da intraprendere per il bene di ognuno, anche dell'Enclave. I giovani Shadowhunters non cercano la gloria, cercano di fare la cosa giusta mettendosi in pericolo costantemente. 

I personaggi totalmente diversi e variegati che ci danno molti spunti su cui riflettere. La Clare, inserisce degli elementi LGBT che ci intrigano a tal punto da volerne sapere di più. Gli spunti su cui riflettere sono molteplici, tra questi il perdono. Il perdono non solo verso l'altro ma anche verso se stessi, una vera e propria ricerca personale del perdono. 


"Non possiamo scegliere quando provare dolore nelle nostre vite. 
Arriva quando arriva, e cerchiamo di ricordare che tutto il dolore svanisce, sebbene non riusciamo a immaginare un giorno in cui la sofferenza mollerà la presa su di noi. 
Ogni infelicità passa. L'umanità è attirata dalla luce, non dall'oscurità".
Il worldbuilding è visivo, si riesce a scorgere le vecchie mura dell'Istituto di Londra dove sul cancello regna la frase "Pulvis et umbra sumus". Ogni elemento è mirato per colpire e stupire il lettore, ogni particolare e minuzia mi ha ammaliato e intrigato fino all'ultima pagina.

A fine libro troverete una novella dedicata a Tessa e Will, una di quelle che strappa un sorriso e una lacrima. Mi sono ritrovata a fine libro con le lacrime agli occhi, il sentimento per questi due personaggi è forte e ci fa venir voglia di sapere ancora di più di questa generazione. Ma ora è il momento per i giovani Shadowhunters di mettersi in gioco, e non vivere dei successi degli altri ma dei loro.


"La gente è invincibile soltanto nei libri.""Secondo me scoprirai che la maggior parte delle volte non è così neanche in quelli" le risposte Tessa. "Ma almeno possiamo sempre scegliere un libro e rileggerlo da capo. Le storie offrono migliaia di nuovi inizi."


L'utilizzo della terza persona nella narrazione è utilizzata egregiamente, inizialmente ho avuto un po' di difficoltà poichè la scrittura della Clare è molto descrittiva. Se si perde un particolare o un nome, seppur fittizio, per strada si hanno diverse difficoltà. Quindi in alcuni punti mi sono sentita confusa e stordita dalla narrazione, ma questo non è un libro che va letto tutto d'un fiato. Ci vuole tempo per assimilare le informazioni che ci vengono narrate, seppur hanno un lessico molto semplice e diretto. Inizialmente avevo pensato di aver capito tutto della storia, poichè capita che gli eventi della Clare siano "standardizzati".  Invece no, i colpi di scena sono molti e ci lasciano sul fiato sospeso fino alla fine. Inizialmente ho parlato di calma apparente, ed è di nuovo alla fine del libro che ritroviamo questa sensazione. Ma stavolta impregnata dall'ansia di conosce e scoprire, poichè sono certa che nei prossimi volumi ci saranno molte più emozioni da vivere e assimilare. 
L'Allegra Compagnia è pronta per una nuova avventura contro i demoni, e tu ne farai parte?




VALUTAZIONE LIBRO:
5-






Prodotto fornito dalla Casa Editrice: Libri Mondadori.

3 commenti:

  1. É il prossimo libro sulla mia lista di lettura e dopo la tua recensione ho ancora più hype, non vedo l'ora!

    RispondiElimina
  2. In realtà non ho mai letto libri della serie di Shadowhunters perché sono davvero troppi e non credo di recuperarli

    RispondiElimina
  3. Per quanto sembri interessante dopo la mia lettura, ormai parecchi anni fa, della serie principale di Shadowhunters non dono più andata avanti. Non mi attirava più e adesso poi che sono una marea di libri non credo che la continuerò mai..

    RispondiElimina