giovedì 9 luglio 2020

Recensione:"Navarro - Il mondo di Sotto." di Andrea L. Gobbi.

Navarro é un giovane ragazzo, che farebbe di tutto pur ritrovare il padre. L'autore sviluppa la storia attorno a questa giovane ciurma. In un mondo fantastico popolato da creature sovrannaturali, culture sconosciute la nave di Navarro approderà nel mondo di Sotto. Ma i giovani saranno in grado di affrontare questa avventura, sfidando l'ignoto? 


Navarro - Il mondo di Sotto
Andrea L. Gobbi
Editore: Fanucci Editore
Formato: Rigido & Ebook
Prezzo: Rigido 14,90€ Ebook 6,99€
Pagine: 272
Trama: Anno 1492. La Terra è piatta. È quanto scopre Cristoforo Colombo al comando della sua missione nell'oceano Atlantico: non le Indie come credeva (e neppure l'America), ma la fine del Mondo. Delle tre navi - la Nina, la Pinta e la Santa Maria - partite da Palos il 3 agosto 1492 soltanto la prima, capitanata dal grande navigatore, riesce a far ritorno nel Vecchio Continente. Le altre due, invece, finiscono disperse. O almeno questo è ciò che viene fatto credere. Un anno dopo, infatti, un ragazzo viene a conoscenza di un segreto insospettabile per cui nulla sarà più come prima. È una sera piovosa quando in occasione del suo tredicesimo compleanno Pedro Navarro riceve dalle mani di un uomo, un marinaio sopravvissuto alla grande spedizione, una lettera scritta da suo padre Franco, fino ad allora creduto disperso su una delle due caravelle. Ai confini del mondo, a quanto racconta, esisterebbe uno stretto canale dove convergono tutte le correnti dell'oceano Atlantico. Nessuno sa dove esso conduca, eppure Franco ne è convinto: si tratta della via che conduce al Nuovo Mondo. Secondo lui la Terra rassomiglierebbe a un'enorme moneta, di cui il mondo conosciuto rappresenta solo una faccia. Ma che cosa si cela dall'altra parte? Franco si è lanciato per scoprirlo, lasciando nelle mani del figlio un prezioso amuleto.

Inizialmente la copertina ha avuto un maggiore impatto, ma la trama mi ha letteralmente stregata. Il libro di Andrea L. Gobbi é un piccolo gioiellino della letteratura per ragazzi, ovviamente il volume ha le sue luci e ombre. Ma essendo una lettura per ragazzi è l'ideale per i giovani lettori. Le storie di pirati e della scoperta dell'America mi hanno sempre affascinata sin da bambina, e se amate una lettura del genere fa proprio per voi. 

Pedro Navarro è il personaggio principale della storia, un ragazzino caratterizzato da una forte determinazione e coraggio. Assieme alla sua compagnia s'imbarcano verso una spedizione all'insegna dell'avventura. Non ci si aspetterebbe mai di vedere una ciurma formata da ragazzini di solo 13 anni e in particolare anche da una ragazza. Affrontare l'Atlantico non sarà facile, e loro ne saranno all'altezza? 


"Perchè chi abbraccia l'avventura e ambisce a un obiettivo diventa per sua stessa natura egoista." 
Pedro è ancora un semplice ragazzino, che intraprende sin da subito la vita dell'uomo di casa. Ma ahimè, seppur sia un personaggio molto interessante non è riuscito a prendermi a pieno nel corso della storia. Nel corso della storia ha sicuramente una crescita personale non indifferente, comprendendo non solo il valore dell'amicizia ma anche quello della lealtà. 
La caratterizzazione psicologica dei personaggi secondari è stata descritta in modo molto superficiale, abbiamo soltanto un profilo di ognuno di loro. Elemento principale e quasi reale sono le emozioni che vengono narrate, ovvero il lettore riesce attraverso l'empatia a percepire tutto ciò che provano i personaggi. I sentimenti sono forti e contrastanti tipici di un adolescente che intraprende un viaggio all'insegna dell'avventura. 

Un punto di forza del romanzo è il worldbuilding, infatti l'azione si svolge a Palos, l'Oceano Atlantico e Il mondo di Sotto. Introdurre un mondo fantastico è sempre molto difficile, l'autore ha fatto un lavoro minuzioso ed originale, anche con l'introduzione di nuove specie e di paesaggi del tutto nuovi. Le descrizioni della fauna de Il Mondo di Sotto sono minuziose e particolareggiate. Inizialmente la lettura mi ha ricordato uno dei film di "Pirati dei Caraibi", anche se vi sta qualcosa che manca. 

Il libro ha un ottimo potenziale ma vi sono delle cose in particolar modo che mi hanno fatto storcere il naso. L'autore attraverso il suo entusiasmo riesce a trasmetterci ogni sensazione ed emozione, ed è difficile trovare un libro così "fresco" e genuino. Come ogni libro per ragazzi che si rispetti, vi è una lezione importante da imparare ovvero: l'essenza dell'amicizia. Un'amicizia più profonda di quella che solitamente conosciamo, vista come unica risorsa di sostentamento per tenere in piedi il gruppo. 


"Perchè noi non siamo nessuno in confronto alla magnificenza della civiltà da cui discendiamo."


La narrazione è fluida e lineare, le pagine scorrono veloce sotto i nostri occhi lasciandoci voraci durante la lettura. Il lessico utilizzato è diretto al lettore, ma molto colloquiale cosa che non ho apprezzato particolarmente. Infatti i dialoghi, secondo il mio modesto parere, seppur si parli di ragazzi di 13 anni avrebbero dovuto avere un linguaggio più forbito adatto all'epoca in cui si svolge il romanzo. Non sono riuscita ad apprezzare a pieno la "superficialità" con cui la componente psicologica passi in secondo piano, ma spero che nel secondo volume di questa trilogia potremmo avere qualche nozione in più.
Il romanzo è fresco, adatto a una lettura estiva. Attendo con ansia il secondo volume per poter vivere assieme a questa folle ciurma un'altra fantastica avventura.
E tu, sei pronto per imbarcarti verso il Mondo di Sotto?

5 commenti:

  1. Nonostante alcuni aspetti negativi, credo sia un libro per ragazzi molto originale ed interessante, quindi lo metterò sicuramente in WL.

    RispondiElimina
  2. Ciao Sabri.
    Questo sembra davvero un libro nelle mie corde, magari prima o poi lo recupero.
    ;)

    RispondiElimina
  3. Gli aspetti negativi non mi hanno particolarmente "spaventato" la trama mi ha subito colpito!

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace che questo libro non ti abbia convinto completamente, sembra davvero carino! In ogni caso credo che magari in futuro una possibilità gliela darò, giusto per soddisfare la curiosità che si è creata dopo averne sentito parlare così tanto 🥰

    RispondiElimina
  5. Conosco questo libro ma non mi ha mai intrigato molto

    RispondiElimina