sabato 26 gennaio 2019

Recensione: "Bucaneve nel regno sotterraneo" di Paolo Fumagalli.

Una fiaba dai toni dark e dall'atmosfera Burtoniana, ci immergiamo nell'avventura di Bucaneve come se stessimo vedendo un film. Una ragazzina curiosa e ingenua, dove non solo le mille domande che ha in testa la sconvolgeranno, ma la visione di un mondo oscuro e popolato dai personaggi più macabri la sconvolgeranno.

Titolo: Bucaneve nel Regno Sotterraneo
Autore: Paolo Fumagalli
Genere: Fiaba dark fantasy

Editore: Dark Zone
Formato: Cartaceo/ Ebook
Prezzo: Cartaceo 12,90€/2,99€
Sinossi:Bucaneve, colpita da una misteriosa malattia che nessuno sa spiegare, è una bambina che ama le storie raccontate dalla madre e i sogni a occhi aperti. Un'avventura più strana di qualunque fantasia la aspetta in un mondo notturno e misterioso, abitato da bizzarre creature legate alle tenebre e all'occulto. È l'inizio di una serie di incontri con gatti e corvi parlanti, streghe che vivono nella foresta, solitari becchini, cavalieri senza testa, scheletri e altri personaggi tanto sinistri quanto buffi e stravaganti. Conoscendo meglio le atmosfere oscure e divertenti del Regno Sotterraneo, Bucaneve scoprirà che anche la Morte in persona può sognare e cercherà un modo per tornare alla realtà...
Quando si legge un retelling si ha la paura che il libro sia o un completo disastro o una rivoluzione per la storia. Quest'ultimo infatti è stato una rivoluzione, l'autore ispiratosi alle opere di Lewis Caroll "Alice nel paese delle Meraviglie" e "Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò", crea un mondo degno del paese di Halloween del film:" Nightmare Before a Christmas".

"Pensa, dunque, a quanto deve essere sottile il senso, per stare dentro alle parole. Con le mani non puoi riuscire ad afferrarlo, è un compito troppo difficile per quelle tue piccole e goffe dita." 
Bucaneve sembra essere una bambina spensierata e con mille domande per la testa, e una in particolare ci tormenterà per ed è: "Perché è finita nel regno Sotterraneo?"
Possiamo immaginarla ruzzolare giù da una tana di coniglio come la vera Alice, ma il risveglio in questo mondo, della protagonista, è ben più brusco e più macabro.
Come già detto l'autore ispirandosi alle opere di Caroll, riesce magistralmente a rappresentare Bucaneve come una bambina che pensa ad alta voce e con discorsi poco coerenti, ed è proprio questo il bello. Tutto ciò riesce a coinvolgere il lettore e vivere l'avventura di questa dolce ragazzina.

"E tu invece?" le domandò il gatto. "Dove stai andando?"
"Oh, a dire il vero non lo so"  
Uno dei dialoghi che riportano alla visione di Caroll, mi ha fatto ricordare di non stare leggendo un semplice retelling, mi sono inoltrata sempre di più nella foresta assieme a Bucaneve. Incontrando i personaggi più disparati, lucubri ma allo stesso tempo molto divertenti. Personaggi che non sono da sfondo, ma riescono a intessere il mondo che circonda la nostra protagonista attraverso spiegazioni "strampalate" e discorsi senza un nesso logico.

"Perchè no? Questo è il Regno Sotterraneo, in fondo, e anche quello che non è un cimitero gli somiglia parecchio, a conti fatti."
"Davvero?"
"Come una scarpa somiglia a un piede." 
 La storia scorre veloce sotto i nostri occhi e quando si realizza che si è arrivati alla fine si vuole conoscere sempre di più. Sono la prima ad amare i generi dark e devo dire che il mondo creato dall'autore riesce a coinvolgerti tanto come i film di Burton.
Dietro questo libro ci sono tributi a diversi autori, principalmente a Caroll ma anche a Washintong Irving o anche noto come il creatore della leggenda del "Cavaliere senza testa". Ovviamente i personaggi incontrati sono stati rimodellati alla perfezione per essere amichevoli ma allo stesso imponenti sulla protagonista, cosa che mi è piaciuta e mi rubato qualche sorriso durante la lettura.



Lo stile narrativo è scorrevole e se posso azzardare frizzante, poiché ti riesce a donare il brivido e la voglia di continuare a leggere sempre di più. Per quanto riguarda il lessico, l'ho trovato semplice e lineare anche se ho trovato parecchi refusi che mi hanno fatto storcere il naso. Come ad esempio tempi verbali errati e forme lessicali non propriamente corrette. Il personaggio di Bucaneve ha una psicologia ben delineata e mutevole durante la storia, anche la scelta del suo nome non è del tutto casuale. Il bucaneve è un fiore che sboccia in inverno e che combatte contro la neve, molte tradizioni lo vedono come buon auspicio ma si sa che è anche paragonato a un presagio di morte e di sventura.
Una cosa che non ho amato particolarmente è stato il finale, mi ha lasciato un po' insoddisfatta anzi avevo pensato a una fine più banale e spiazzante allo stesso tempo.
Nel complesso è un libro piacevole da leggere anche chi non è amante di Caroll, a mio parere dovrebbe dargli una possibilità. 
In questo modo riuscirà a capire che anche la morte può sognare. 


Un'avventura degna di essere vissuta, il regno Sotterraneo che deve essere perlustrato e scoperto, figure macabre dietro ogni angolo e tu sei pronto a vivere quest'esperienza?




 VALUTAZIONE LIBRO:






Prodotto fornito dall'autore: Paolo Fumagalli.

28 commenti:

  1. Considerando il titolo e il nome della ragazza mi ero immaginata una specie di retelling misto, fra Biancaneve e Alice.
    Recensione interessante e che mi ha fatto venir voglia di mettere il libro in wishlist, anche se di solito le ambientazioni un po' dark le preferisco nei gialli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io inizialmente avevo pensato a un retelling misto, ma alla fine si è rivelato un omaggio (se così posso azzardare) a Caroll. Se ti piacciono i film di Tim Burton ti consiglio di leggerlo!!

      Elimina
  2. Ciao, interessante, ottima recensione

    RispondiElimina
  3. Ciao Sabrina, sembra davvero un bellissimo libro. Il titolo è accattivante, ma sono state le tue parole a convincermi ad aggiungerlo nella mia wishlist!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che tu lo abbia aggiunto in wishlist!! Fammi sapere se lo leggerai!!

      Elimina
  4. Non ne ho sentito parlare in giro, però da come ne parla tutto in questa recensione mi spira tantissimo non vedo l’ora di comprarlo per poterlo leggere,lo aggiungo subito in WL 😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Awww fammi sapere 😍 se lo leggerai fammi sapere!! SooS curiosa delle altre opinioni

      Elimina
  5. ambientazioni del genere mi affascinano sempre, e inserite in una storia del genere mi fan venire voglia di provarlo!

    RispondiElimina
  6. Molto interessante, mi ispira molto!

    RispondiElimina
  7. Ottima recensione! Messo in WL 😍

    RispondiElimina
  8. Amo tantissimo le fiabe, poi se sono dark come queste, come poter resistere? 😍 Finisce immediatamente in wishlist!

    RispondiElimina
  9. Come ho letto sopra lo consigli agli amanti di Tim Burton: eccomi qui!
    ‘Nightmare before Christmas’ è uno dei miei film preferiti in assoluto, quindi devo necessariamente seguire il tuo consiglio e buttarmi in questa nuova avventura affianco a Bucaneve (il nome mi fa anche venire fame, quindi mi attrezzerò di conseguenza!) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHHH CHE BUONI I BUCANEVE😍😍😍 ahahaha comunque si, te lo consiglio assolutamente

      Elimina
  10. Io ho avuto il piacere di leggerlo e da amante di Alice ma anche di Tim Burton ho amato questo libro, proprio per le sue ambientazioni dark e per la scrittura scorrevole. Ottima recensione!

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono tanto i retelling e non ne ho mai letto uno di Alice del paese delle meraviglie - in realtà non credo di aver neanche mai letto il libro originale, don't hate me pls xD - ma questo mi ispira tanto, poi mi piace tanto la copertina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti odio ma DEVI ASSOLUTAMENTE LEGGERLO!!!!! Comunque questo te lo consiglio, l'importante è sapere più o meno anche il cartone animato di Alice

      Elimina
  12. Anche a me leggere retelling spaventa un po', ho sempre paura di rovinarmi il mondo che amo e a cui si sono ispirati! Nonostante io non abbia letto le opere che hanno ispirato l'autore, ho solo visto i film (ma mi accontento dai, prima o poi recupererò anche le opere originali) l'idea di un mezzo cross-over ben riuscito mi intriga un sacco! Finisce dritto dritto in tbr!❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è anche avere un'idea del mondo e dei dialoghi a cui si va incontro, ma te lo consiglio!

      Elimina
  13. Questo romanzo per certi aspetti (per quanto riguarda il mondo di alice versione dark) mi ricorda parecchio il mio splendido migliore amico (che ti consiglio tanto anche se la parte romance lascia leggermente desiderare).
    Da come ne parli sembra un bellissimo romanzo e io cerco sempre retteling da leggere perchè amo tantissimo le fiabe. Da leggere assolutamente ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo ho il libro che dici tu! Ammetto che lo evod leggere, Shame on me, comunque leggilooo

      Elimina
  14. Ultimamente sto leggendo molti retteling perché li adoro quindi mi sa che lo leggerò assolutamente

    RispondiElimina