lunedì 11 maggio 2020

Recensione:"Le luci di Anemone" di Ylenia Bravo.

Un romanzo che ci fa sognare, rabbrividire e allo stesso tempo ritornare bambini. La storia della piccola Anemone lancia dei messaggi ben chiari al pubblico più giovane. Quali affrontare le proprie paure e non cadere mai nei pregiudizi e nella discriminazione dell'altro. I messaggi arrivano dentro di noi, ormai grandi, per farci riscoprire tutte quelle sensazioni che credevamo perdute da tempo. La piccola Anemone ci condurrà verso il Buio, ma non sarà da sola a dover riportare la luce su Farola. Vi avventurerete assieme a lei in questa fantastica storia?

LE LUCI DI ANEMONE
Ylenia Bravo


Editore: De Agostini
Formato: Copertina rigida & Ebook
Prezzo: Rigido 12,00€ Ebook 6,99€
Pagine: 208
Trama: Quando le luci si spengono e le tenebre avanzano, una bambina coraggiosa si prepara a salvare la sua città. C'è un Paese, nascosto chissà dove, in cui fin da piccoli si impara l'arte dei Lampionai. È un mestiere serio, quasi una missione, perché sono proprio i Lampionai a portare ogni sera la luce nel mondo, impedendo al Buio di dilagare. Tutti li ammirano, anche la piccola Anemone, che insieme alla sua gatta Mina adora guardare il momento in cui Ruggine e gli altri otto lampioni della città vengono accesi. Ma una notte di fine luglio qualcosa non va come dovrebbe: Ben, il Lampionaio di Farola, sembra essersi dimenticato di accendere i lampioni, e Mina scompare nel Buio. Così, mentre le strade si fanno sempre più tenebrose, ad Anemone non resta che mettere da parte la paura e uscire di casa per cercare la sua amica felina. Riuscirà la ragazzina a trovare il coraggio di salvare Mina e l'intera Farola dal Buio?

Anemone è una bambina testarda ma anche molto coraggiosa. Nel corso del romanzo vedremo i vari stati d'animo che essa prova come solo un bambino può esprimere al meglio. Ma nel momento stesso che capisce che forse non è la sola a dover cercare qualcuno, viene affiancata da una figura importante. Anemone inizia a comprendere dei valori, che i bambini conosceranno nel cammino della vita, ma in particolar modo la discriminazione. Un messaggio che arriva dritto al cuore del lettore, che apre gli occhi del nostro bambino interiore che si era assopito da un po'. 
La figura che affiancherà la dolce Anemone è: Malamalama. Malamalama ha una storia da raccontare, ma anche molti segreti di cui la piccola non dovrebbe venire a conoscenza. Grazie al determinazione della bambina, Malamalama inizia a raccontarsi e a svelare la sua natura ai nostri occhi. Il suo personaggio ci manda messaggi bellissimi, anche di speranza, ma il più importante è la consapevolezza che alcune volte e nelle situazioni più gravi l'unione fa la forza
Ma chi è Malamalama? E come può aiutare Anemone ad affrontare il buio?


"Il motivo per cui il buio faceva un po' paura a tutti era che... la sua pancia era ancora piena di mostri pronti a fuoriuscirne."


Ma perchè i Lampionai sono così importanti? Durante la lettura ci si domanda questo, ci si domanda perchè queste figure, seppur debbano compiere un'azione così semplice bisogna devono essre proprio loro a compierla. Buio e luce coesistono sia dentro di noi, che all'esterno e l'autrice in modo molto velato ci spiega il Bene e il Male. Uno dei messaggi cardine della storia, poichè essere un Lampionaio non è soltanto accendere un lampione. Ci vuole dedizione, coraggio e soprattutto saper domare il Caos. Il Caos, qualcosa di oscuro che minaccia la cittadina. Riusciranno Anemone e Malamalama a portare la Luce nella cittè di Farola?


I messaggi che il libro vuole trasmettere ai giovani lettori son ben chiari. Come affrontare le proprie paure che siano piccole o grandi, la cosa fondamentale è "fingere" di non aver paura solo così si può superare tutto. Sfidare sè stessi, ovviamente nei limiti dei più piccoli, ma al tempo stesso con una lettura da un lettore più grande ci fa sorridere e allo stesso tempo riflettere. Anemone riesce a compiere queste sfide andando alla ricerca della sua gattina Mina, pagina dopo pagina si denota la sua determinazione così forte.
L'autrice è riuscita a trattare in modo molto delicato questi argomenti così spinosi, lasciando il fiato sospeso per ogni riga o paragone all'interno dell'opera. Un punto fondamentale è stato quello della discriminazione altrui, dove la dolce Anemone non conta la differenza di colore di pelle, capelli o occhi e per lei sono tutti uguali.
Uno dei messaggi più belli che arrivano fin dentro il cuore, poichè il mondo è visto dagli occhi di una bambina così piccola. 


"Le eroine dei suoi libri preferiti non piangevano e non si arrendevano: se non riuscivano a sconfiggere i draghi con la forza, allora si fermavano a riflettere. E poi trovavano una soluzione."
All'intero del libro troviamo queste simpatiche illustrazioni, che ci forniscono una visione più lineare della storia e ci fanno immergere nella lettura. Queste immagini sembrano proprio dei disegni fatti a matita che a momenti sembrano stiano uscendo dal libro, tanto è il coinvolgimento. Elementi essenziali per la storia e per la lettura. 


"Un colore a cui nessuno osava dare nome. Quel colore era il nero. Come il Buio."
Una narrazione fluida e lineare, che assieme al lessico adatto a un pubblico più giovane ci trasportano lungo le pagine della storia. L'autrice è riuscita a inserire elementi chiave all'interno del libro in modo che il lettore rifletta sulle sue parole. Oltre le illustrazioni e i messaggi importanti, Ylenia Bravo è riuscita a smuovere la mia bambina interiore donandomi una visione totalmente diversa di alcune situazioni. 
Punto di forza del romanzo sono anche i colpi di scena, ebbene sì, il lettore a fine capitolo si troverà spiazzato dall'ultimo evento o parola e la voglia di conoscere è veramente troppa... Quindi le pagine "svolazzano" velocemente sotto i nostri occhi lasciandoci col cuore in gola per a suspense per poi giungere al finale. Il finale è dolce e sentito, leggendolo mi sono persino commossa per quanto la delicatezza della scrittura mi coinvolgesse così tanto. 

Anemone avrà successo contro il Buio? Starà a voi scoprirlo e se vi unirete a lei in questa avventura. 

7 commenti:

  1. Ciao Sabri!
    Ma che bella recensione!
    Mi hai proprio convinta, metto subito questo libro in wish list perché sembra proprio il genere che piace a me e, leggendo la tua recensione, mi sono incuriosita da morire.
    In un certo senso mi ricorda un po' le atmosfere tetre di Coraline.
    Un bacione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me dovresti leggerlo! E' un sacco il tuo genere

      Elimina
  2. Questo libro sprigiona delicatezza e profondità e so già a chi potrei regalarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhh! che cosa bella, spero che a chi lo regalerai piacerà tantissimo

      Elimina
  3. Ammetto che non leggo molti libri di questo genere ma dalla tua analisi mi hai profondamente colpito

    RispondiElimina
  4. La tua recensione mi ha affascinato completamente, mi segno subito questo libro!

    RispondiElimina