lunedì 2 novembre 2020

Review Party: "Tenebre e Ossa -GrishaVerse" di Leigh Bardugo.


 Quando ho iniziato a leggere il libro della Badurgo, pensavo di trovarmi un libro totalmente diverso. Avendo letto l'anno scorso "Sei di Corvi" pensavo alla sua scrittura dettagliata e minuziosa, ma qui ci troviamo a un fantasy- young adult che non posso fare a meno di consigliare. L'autrice ritorna con la sua nuova pubblicazione, fornendoci dei personaggi strepitosi e accattivanti. 


TENEBRE E OSSA - GHISHAVERSE
Leigh Badurgo

 

Editore: Libri Mondadori
Formato: Copertina Rigida & Ebook
Prezzo: Rigido 17,90€ Ebook 9,99€
Pagine: 240
Trama: "Il dolore e la paura mi vinsero. Urlai. La parte nascosta dentro di me risalì con impeto in superficie. Non riuscii a fermarmi. Il mondo esplose in una sfolgorante luce bianca. Il buio si infranse intorno a noi come vetro". L'orfana Alina Starkov non ha grandi ambizioni nella vita, le basterebbe fare al meglio il suo lavoro di apprendista cartografa nell'esercito di Ravka, un tempo nazione potente e ora regno circondato dai nemici, e poter stare accanto al suo buon amico Mal, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da molto tempo. Ma il destino ha in serbo ben altro per lei. Quando il loro reggimento attraversa la Faglia d'Ombra, la striscia di oscurità quasi impenetrabile che taglia letteralmente in due il regno di Ravka, lei e i suoi compagni vengono attaccati dagli esseri spaventosi e affamati che lì dimorano. E proprio nel momento in cui Alina si lancia in soccorso dell'amico Mal ferito gravemente, in lei si risveglia un potere enorme, come una luce improvvisa e intensa in grado di riempirle la testa, accecarla e sommergerla completamente. Subito viene arruolata dai Grisha, l'élite di creature magiche che, al comando dell'Oscuro, l'uomo più potente di Ravka dopo il re, manovra l'intera corte. Alina, infatti, è l'unica tra loro in grado di evocare una forza talmente potente da distruggere la Faglia e riunire di nuovo il regno, dilaniato dalla guerra, riportandovi finalmente pace e prosperità. Ma al sontuoso palazzo dove viene condotta per affinare il suo potere, niente è ciò che sembra e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le ombre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore. Da questo romanzo la serie Netflix di prossima uscita.

Alina è rimasta orfana ed è cresciuta assieme al suo amico Mal, ma la ragazza si è sempre sentita sperduta e sottovalutata per le sue capacità. Ha vissuto nell'ombra del suo amico d'infanzia, ma il suo enorme potere la contraddistinguerà per quello che è realmente. La psicologia di Alina è molto complessa e difficile da mandar giù, infatti conosciamo il suo cuore ma anche le sue insicurezze che pian piano dentro di lei faranno spazio alla luce. Nel corso della storia, Alina cresce e matura. La sua crescita psicologica si denota sin da metà libro, ma lungo la lettura sarà sempre segnata dalla sua genuina ingenuità.

Mal, è un personaggio un po' scarno per i miei gusti. Conosciamo i suoi successi, le sue perdite ma soprattutto il rapporto che ha con la protagonista. Un'amicizia che nasce dalla solitudine, dalla perdita e che li fa crescere l'uno fianco all'altro. Alina sin dall'adolescenza ha provato a celare i sentimenti verso il suo migliore amico, il quale non sembra nemmeno accorgersi dello struggersi della ragazza. Ma tra i due maturerà qualcosa? Sono destinati a stare assieme, o il destino ha in serbo per loro altri programmi?

Un altro personaggio su cui vorrei sicuramente soffermarmi è L'Oscuro. Un uomo potente, ambizioso ma soprattutto antico. Avete capito bene, antico, il suo animo è la tenebra pura che si fonde con la malvagità. Anche qui non riusciamo a comprendere a pieno le varie sfaccettature del personaggio, tanto da diventare enigmatico. L'Oscuro ha dei grandi piani per il destino di Alina, ma che siano solo dettati dalla guerra che è in corso?
Come ben sapete ho un debole per i cattivi, e devo dire che questo personaggio ha fatto breccia nel mio cuore e non vedo l'ora di conoscere a pieno la sua storia. 

"Quando il fuoco brucia, consuma il legno.
Lo divora, lasciando solo cenere.
Il potere Grisha non funziona allo stesso modo."
 Se avete letto "Sei di corvi" e "Il regno corrotto", e conoscete il mondo Grisha non l'avete compreso a pieno. Infatti "Tenebre e ossa" detta le basi della conoscenza del mondo da lei creato, ci fa comprendere tutte le sfumature comprese quelle sulla politica. La guerra, la sete di potere tutti elementi che non sono presenti nell'animo di Alina. L'Oscuro le farà conoscere sia le tenebre ma anche la sua luce, ma lei da quale sarà ammaliata?

Il worldbuilding che ci troviamo di fronte mi ha fatto pensare alla fredda Russia. Le descrizioni non risultano mai pensati, cosa che avevo riscontrato della duologia di "Sei di Corvi. Noi riusciamo ad immergerci nella storia grazie alla narrazione in prima persona, quindi attraverso gli occhi di Alina. E' come se vivessimo un'esperienza a 360°, dove anche le emozioni ci fanno da padrone e ci ammaliano. 

Le dinamiche all'interno del romanzo ci coinvolgono non solo emozionalmente ma anche fisicamente, come se noi stessi stessimo all'interno del romanzo. L'affinità tra Alina e L'Oscuro è qualcosa di palpabile, inimmaginabile e tempestoso. I due hanno ancora molto da raccontarci e a livello metaforico ci lasciano un bel messaggio: luce e tenebre potranno mai coesistere tra di loro? Si riuscirà a trovare un equilibrio? 

"Mi dispiace di averti lasciato così a lungo nell'oscurità.
Mi dispiace, ma ora sono pronta."
 Attraverso il personaggio di Alina abbiamo la possibilità di comprenderci e riscattare la nostra essenza. Ognuno di noi si sottostima, e stessa cosa fa la nostra protagonista finchè non riesce a comprendere la vera essenza del suo potere. Un potere antico ma allo stesso tempo potente, che ci lascia senza fiato. La ragazza arriverà a un equilibrio e consapevolezza di sè non indifferente, ma il destino ha in serbo per lei molto altro.
Con i vari personaggi citati nel romanzo possiamo accostarci a loro e rifletterci, persino sentire che sono affini alle nostre vite. La tensione all'interno del romanzo ci dilanierà l'animo, ma allo stesso tempo saremo sopraffatti per ciò che vivremo. 

"Gli hai raccontato che cosa ti ho mostrato nel buio?"
La narrazione risulta essere lineare e molto fluida, direi quasi giovanile. Infatti ho scoperto che questa trilogia è stata pubblicata prima della duologia che conosciamo, e del tratto distintivo della Badurgo vi è poco. Il lessico è molto semplice ed intuitivo, ovviamente con l'introduzioni di nuovi vocaboli per descrivere a pieno la storia e le creature. 
Mi sarei aspettata molti più dettagli e meno clichè young adult, in particolare sulla fine. Cosa che non ho apprezzato è la superficialità con cui viene trattato il personaggio di Mal, ma spero che il secondo volume mi possa offrire molte più informazioni su tutti i personaggi. All'inizio ho persino pensato di leggere qualcosa di Sarah J. Maas, viste alcune similitudini in alcuni intoppi.

Un romanzo che riesce ad ammaliarci e trasportarci in uno paesaggio invernale e gelido, vi farete ammaliare da Alina e dall'Oscuro? Siete pronti per questo splendido viaggio?



4 commenti:

  1. Bello questo libro e concordo su molte cose. Io amo la Bardugo ma si sente che rispetto a sei di corvi o lalla nona casa è una scrittura più acerba. Bellissimo comunque.

    RispondiElimina
  2. Ho letto questo libro e la penso come te che sia leggermente sottotono e con qualche cliché di troppo

    RispondiElimina
  3. Ho avuto il piacere di leggere questa serie qualche anno fa e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa. Non mi sarei aspettata che mi piacesse così tanto!
    Probabilmente non rientra tra i miei libri fantasy preferiti, ma è stato davvero bello trovarsi nel mondo creato dalla Bardugo 🥰

    RispondiElimina
  4. Non ho ancora letto nulla del grishaverse, però penso che prossimamente proverò a leggere qualcosa.

    RispondiElimina