martedì 1 ottobre 2019

Review Tour:"Sei di Corvi" di Leigh Bardugo


Dopo una lunga attesa arriva in Italia il primo volume della duologia di Leigh Bardugo. Dopo un inizio abbastanza lento, il libro si evolve mostrandoci le varie sfaccettature dei personaggi, illustrandoci un mondo crudele e spietato. Un romanzo ricco di dettagli e di azione, che vi tiene incollati fino all'ultima pagina. I Sei Corvi sono in azione, e voi sarete pronti per accompagnarli nella loro missione suicida?

Info:
Titolo: Sei di Corvi
Autrice: Leigh Bardugo
Editore: Libri Mondadori
Pagine: 440
Formato: Cartaceo/ Ebook,
Prezzo: 17,90€ Cartaceo/ 8,99€ Ebook
Sinossi: A Ketterdam, vivace centro di scambi commerciali internazionali, non c'è niente che non possa essere comprato e nessuno lo sa meglio di Kaz Brekker, cresciuto nei vicoli bui e dannati del Barile, la zona più malfamata della città, un ricettacolo di sporcizia, vizi e violenza. Kaz, detto anche Manisporche, è un ladro spietato, bugiardo e senza un grammo di coscienza che si muove con disinvoltura tra bische clandestine, traffici illeciti e bordelli, con indosso gli immancabili guanti di pelle nera e un bastone decorato con una testa di corvo. Uno che, nonostante la giovane età, tutti hanno imparato a temere e rispettare. Un giorno Brekker viene avvicinato da uno dei più ricchi e potenti mercanti della città e gli viene offerta una ricompensa esorbitante a patto che riesca a liberare lo scienziato Bo Yul-Bayur dalla leggendaria Corte di Ghiaccio, una fortezza considerata da tutti inespugnabile. Una missione impossibile che Kaz non è in grado di affrontare da solo. Assoldati i cinque compagni di avventura – un detenuto con sete di vendetta, un tiratore scelto col vizio del gioco, uno scappato di casa con un passato da privilegiato, una spia che tutti chiamano lo "Spettro", una ragazza dotata di poteri magici –, ladri e delinquenti con capacità fuori dal comune e così disperati da non tirarsi indietro nemmeno davanti alla possibilità concreta di non fare più ritorno a casa, Kaz è pronto a tentare l'ambizioso quanto azzardato colpo. Per riuscirci, però, lui e i suoi compagni dovranno imparare a lavorare in squadra e a fidarsi l'uno dell'altro, perché il loro potenziale può sì condurli a compiere grandi cose, ma anche provocare grossi danni... Finalmente arriva in Italia il primo romanzo della duologia che ha consacrato Leigh Bardugo come una delle voci più talentuose e autorevoli della narrativa fantasy. Una serie ambientata in un mondo articolato e straordinario, il GrishaVerse, dove si muovono personaggi sapientemente costruiti e sfaccettati. Una storia avventurosa ricca di colpi di scena che vi mancherà nell'istante stesso in cui avrete letto l'ultima pagina.
 Come già anticipato non aspettatevi il solito fantasy. La Bardugo riesce a creare un mondo totalmente diverso dai romanzi fantasy tradizionali. Ammetto che le "prime" 200 pagine sono abbastanza lente, poiché cariche di elementi fondamentali per la storia. Quindi le descrizioni sono ricche e corpose, e ciò mi ha dato un po' di difficoltà nel procedere la lettura. Ma ammetto che ogni aspetto trattato in quelle pagine è di vitale importanza per poter conoscere i personaggi.
Personaggi che non sono trascurati, anzi si ha una psicologia definita di ognuno e quasi mi sbalordisco che essa sia trattata in solo 400 pagine di libro. 
Ma partiamo per gradi, Kaz lo posso considerare il protagonista principale. Anche se non eccedo con questa definizione poichè ognuno è un protagonista a sè nel romanzo.

Kaz, chiamato anche Manisporche, nonostante la sua giovane età è uno dei criminali più spietati, violenti e manipolatore. E' tra i più pericolosi del Barile, la zona malfamata della città. Kaz non ripone in nessuno la sua fiducia, e sa che ogni scusa sarebbe buona per poterlo uccidere. Nasconde dentro di sè una natura nobile ma che ormai è sotterrata da tutto il marcio che ha subito nella sua giovane vita.
La proposta allettante di un incarico, visto il suo "amore" per i soldi, lo porterà a una folle avventura assieme ad altri 5 protagonisti. Riusciranno a uscire indenni da questa missione suicida?


"Loro ti temono come una volta ti temevo io." disse lui"E come tu una volta temevi me. Siamo tutti i mostro di qualcuno."
I personaggi creati dall'autrice sono autentici e reali, ognuno diverso dall'altro. La Bardugo attraverso i diversi punti di vista, poiché ogni capitolo è narrato dagli altri personaggi, ci fornisce una visione più ampia e ricca della storia. 
I continui riferimenti al passato, con dei piccoli o lunghi flashback, ci donano una storia del personaggio e ci fa comprendere a pieno del perchè delle sue azioni. Non mi soffermerò su ognuno, poiché non voglio rubarvi il piacere della lettura, ma devo ammettere che il personaggio di Kaz è quello che rimane più impresso. 
Tutti e sei i protagonisti, sono unici ed enigmatici, ma Kaz ha sempre una risposta e un piano pronto. Riesce ad affrontare tutto senza paura, facendo anche leva sulla maschera che è andato a crearsi col tempo. 

Da buona lettrice che si rispetti, leggendo ci saranno varie ship che potrebbero nascere. Ma non semplici e delicate, ma quelle che non riesci proprio a smettere di pensarci e che vorresti essere a loro posto. Ma il romanzo non s'incentra su questo, anzi le storie d'amore sono quasi assenti e ci si concentra più su tutta la missione. Cosa che ho apprezzato particolarmente, poiché spesso in alcuni fantasy la storia d'amore è presente in modo proprio spropositato. L'autrice ci lascia delle domande, su queste possibili coppie e spero che vengano approfondite nel secondo volume.

Un romanzo ben scritto, intrigante e magico. Si mescola alla perfezione la componente magica con il mondo creato. Il worldbuilding è magistrale e molto descrittivo, si ha una visione molto ampia mondo. A volte ci si sente trasportati  dal romanzo, da perdersi totalmente dentro le pagine.  L'introduzione fondamentale ed esplicativa di ogni potere Grisha ci lascia senza fiato e attoniti.
Ma ancora non abbiamo tenuto conto dei colpi di scena, anch'essi presenti specialmente verso la fine del libro. Sono stupefacenti e ricchi di tensione, ogni capitolo ci lascia con la voglia di conoscere sempre di più e speranzosi per la riuscita del colpo.


"La vita che vive, l'odio che prova: è veleno. E io non riesco più a berlo."
 La mancanza di azione iniziale è stata una delle cause che mi ha fatto riprendere più volte il libro. Non che fosse totalmente assente, ma la componente descrittiva che era molto "carica" non mi faceva concentrare a meglio sulla storia. 
Devo ammettere che sarete affascinati da questi criminali, in questa storia non ci sono eroi o vincitori, esiste solo la crudeltà. Per non essere sopraffatti dal loro animo ogni personaggio deve creare o formare delle barriere nel suo animo.Solo così sviluppano quell'avidità e crudeltà che li porteranno a compiere i peggiori dei crimini.


"Nessun rimpianto.""Nessun funerale."

Il lessico dell'autrice è molto intuitivo e diretto, in modo da stupire e sorprendere il lettore costantemente. Come già anticipato la narrazione iniziale, a causa delle descrizioni, risulta molto pesante. Ma superato lo scoglio iniziale, il libro procede alla velocità della luce e lasciandoci proprio sul più bello. Gli elementi magici ci sto, non sono molti ma né troppo pochi, sono in grado di lasciarci attoniti e stupefatti per un bel po'di pagine.
Sul finale vi è un colpo di scena inaspettato, che mi lascia molte domande in merito e con la voglia di sapere. Ma a quanto pare l'arrivo in Italia del secondo volume non dovrebbe farci aspettare molto, quindi sono già pronta ad attenderlo. Uno dei pregi fondamentali del romanzo è il disegnare un mondo crudele e spietato, che ci fa comprendere tutte le sfumature peggiori della società. 
Nessun eroe, nessun vincitore ma solo dei criminali. E Tu sei pronto a unirti alla banda dei Sei Corvi?

Vi lascio le tappe del Blogtour e del Review Tour, che sono ancora in corso, così da darci un'occhiata.




VALUTAZIONE LIBRO:










Prodotto fornito dalla Casa Editrice: Libri Mondadori.

6 commenti:

  1. Qualche anno fa non mi aveva incuriosito particolarmente, ma ora tutti ne parlano bene ed essendo stato anche tradotto, non mi lascerò scappare l'occasione e lo leggerò.

    RispondiElimina
  2. Voglio assolutamente leggere questa duologia sia tu che altre blogger mi avete convinto a recuperarla

    RispondiElimina
  3. Noi due ci siamo già confrontate tanto su questo libro e abbiamo gli stessi pareri. Fortuna che dopo quelle famose 100 pagine si è ripreso!

    RispondiElimina
  4. La penso come te anche io ho fatto fatica ad ingranare, ma poi si è ripreso alla grande e le pagine sono volate 😍 attendo con ansia il seguito

    RispondiElimina
  5. devo assolutamente recuperare questa uscita. quest'anno la mondadori ci sta regalando tantissime gioie

    RispondiElimina
  6. Ho fatto anche io un po' di fatica ad ingranare all'inizio ma, passato quello, l'ho divorato in soli due giorni. Mi è piaciuto moltissimo, mi sono affezionata tantissimo hai spersonaggi e non vedo l'ora di scoprire cosa succederà in Il regno corrotto! 😍

    RispondiElimina